2° Convegno 11 settembre 2012: In ascolto dei giovani per testimoniare la speranza della Chiesa

 

Il Convegno diocesano degli Insegnanti di Religione svoltosi il giorno 11 Settembre 2012, ha avuto come destinatari principalmente le nuove generazioni, chiamate a ravvivare la propria fede. Questi i punti essenziali trattati dal prof. A. Castegnaro e dal prof. G. Zambon: la Chiesa dinanzi ai mutamenti; il primato del “legame” nella struttura e nella vita reale; lo “stile” del linguaggio religioso cristiano.
Papa Giovanni Paolo II diceva che i giovani sono “sentinelle del mattino”. I giovani si identificano e sentono l’appartenenza alla Chiesa, ma si mantengono autonomi e talvolta critici. Delusi da tutti e da tutto, sanno che é possibile vivere con Dio, sanno che non è saggio eliminarlo dalla vita dell’uomo e del mondo.  La Chiesa di fronte a questa “crisi”, deve mostrarsi luogo di accoglienza senza pregiudizi, capace di offrire concrete esperienze di fede. Cosa avverrà nel futuro a fronte di tale dinamismo e rapidità dei cambiamenti? E’ un compito, quello della Chiesa, in continua evoluzione, che necessita di un’intensa attività di riflessione avendo una questione lucida delle questioni di fede. In sintesi, occorre ricucire la catena della comunicazione della fede.